Skip navigation.
Home
L'angolo italiano della Caverna

Re Tejara

| | | |

Testo originale

Tejara – salì al trono nel 3219 all'età di 114 anni.

Sebbene suo padre fosse considerato un uomo estremamente onesto ed onorevole (specialmente nei suoi ultimi anni), Tejara non seguì quelle orme.

Si disse che era un uomo intelligente ma che usò quell'intelligenza per il proprio guadagno personale nell'arco della sua vita. [1] Infatti, voci dicono che Tejara riuscì piuttosto bene a convincere il proprio padre che egli era una scelta perfetta per il trono quando la maggior parte credeva che uno dei suoi due fratelli più giovani avrebbe fatto molto di più per il suo popolo di quanto lui fece mai.

Se c'era una cosa che sembrava dirigere il regno di Tejara, era il guadagno personale. Fu noto come un impostore magistrale molto dopo la sua morte, mentre coloro che riuscirono a vedere oltre le sue menzogne durante il suo regno furono molto rari. [2]

A causa della natura di Tejara, non c'è molto di buono che può essere detto sul suo periodo al trono. Il palazzo subì un grande rinnovamento nel 3271 e nel 3279 la Gilda degli Scrittori donò a Tejara l'Era del Re, una delle più belle e stupefacenti Ere scritte fino a quel momento. [3] Si scoprì più tardi che Tejara aveva ordinato di scrivere l'Era a due Scrittori che alla fine "morirono" di misteriose malattie una volta completato il lavoro.

Tejara fu ufficialmente sposato ad una sola donna sebbene vi furono molte voci di molte altre "compagne". Come si scoprì, Tejara era anche noto nel suo cerchio più intimo come un uomo estremamente geloso, specialmente di sua moglie e delle altre donne della sua vita.

Nel 3285 il fratello maggiore di Tejara fu imprigionato per la creazione di Ere illecite, un crimine egli negò veementemente fino alla sua prigionia. Tejara espresse grande cordoglio all'inflizione della pena, sebbene si venne a sapere più tardi (ben dopo la morte di Tejara) che il crimine era stato allestito come punizione per ciò che Tejara aveva percepito come sguardi lascivi da suo fratello.

Nel 3298 un Maestro di Gilda della Gilda dei Minatori fu ucciso in uno strano incidente mentre ispezionava il progresso dei nuovi tunnel. Ancora, si seppe in seguito che Tejara aveva ordinato di uccidere l'uomo a causa di una relazione che aveva avuto molti anni prima con una delle amanti di Tejara, molto prima che Tejara l'avesse conosciuta.

Sebbene il regno di Tejara fu visto come del tutto ripugnante dalla maggioranza, è importante notare che per la prima volta nella storia il popolo di D'ni rimase forte e concentrato, anche sotto la leadership di un Re meschino. Le parole e gli insegnamenti di Tevahr rimasero nei loro cuori ed essi si concentrarono sulle loro vite personali (e se stessero compiacendo Yahvo) più del loro Re. [4]

Se c'è qualcosa di buono da dire su Tejara è che non distrusse la fragile condizione del suo popolo. La religione non era importante per lui e perciò, sebbene non fece mai nulla per incoraggiare il suo popolo in un senso o nell'altro, non fece nulla per impedire a coloro che seguivano un certo credo di praticarlo.

Tejara morì nel 3422 all'età di 317 anni e lasciò il trono al suo "terzo" figlio. Sebbene Tejara affermasse che il ragazzo era nato da sua moglie, c'erano parecchie voci secondo cui il ragazzo era in realtà il primo figlio di una delle fanciulle più giovani di Tejara. Le voce non fu mai provata in alcun senso poiché sia la moglie che la fanciulla morirono due anni dopo la nascita del ragazzo. Sebbene ufficialmente Tejara avesse tre figli è possibile che in realtá mise al mondo dodici figli e sette figlie, un numero esorbitante per un D'ni. [5]

  1. Estratto dal diario privato del Gran Maestro Jaron della Gilda degli Scrittori
  2. Da "Il Figlio Perduto" scritto dalla Profetessa Hailesi nel 3422
  3. Diario privato del Gran Maestro Jaron
  4. Da "L'Impatto Duraturo", scritto dal nipote di Tevahr, Ailem, nel 3576
  5. Va fatto notare che la maggior parte di questi fatti non fu di pubblico dominio fino a molto dopo la morte di Tejara. Per la maggior parte, i D'ni credevano realmente che Tejara fosse stato un re decente. Sebbene alcuni iniziassero a giudicare il regno di Tejara in base a suo figlio, non fu fino a molto dopo, quando le verità furono rivelate, che la pubblica opinione su Tejara cambiò realmente.


Tejara – took the throne in 3219 at the age of 114.

Though his father was considered to be an extremely decent and honorable man (especially in his later years), Tejara did not follow in those footsteps.

It's said that he was an intelligent man but that he used that intelligence and cleverness for his own personal gain throughout his life1. In fact, rumors say that Tejara succeeded rather well at convincing his own father that he was the perfect choice for the throne when most believed that one of his two younger brothers would have done much more for his people than he ever did.

If there was one thing that seemed to direct Tejara's reign, it was personal gain. He was known as a masterful pretender long after his death while those who saw through his lies during his reign, were few and far between2.

Due to Tejara's nature, there is not much good that can be said about his time in the throne. The palace underwent a major renovation in 3271 and in 3279 the Writer's Guild presented Tejara with The King's Age, one of the most beautiful and amazing Ages that had been written up to that point3. It was later discovered that Tejara had ordered the Age written by two Writers who eventually "died" of mysterious illnesses after their work was done.

Tejara was married officially to one woman although there were many rumors of multiple other "companions". As it turned out, Tejara was also known within his inner circle, to be an extremely jealous man, especially of his wife and the other women in his life.

In 3285 Tejara's oldest brother was imprisoned for the creation of illicit Ages, a crime he vehemently denied to the time of his imprisonment. Tejara expressed great sorrow at the sentencing although it was later learned (well after Tejara's death) that the crime had been set-up as punishment for what Tejara had perceived as lustful looks from his brother.

In 3298 a Guild Master of the Guild of Miners was killed in a freak accident while inspecting the progress of new tunnels. Again it was later learned that Tejara had ordered the man killed due to a relationship he had had many years earlier with one of Tejara's lovers, long before Tejara had met her.

Though Tejara's reign was viewed as fairly repulsive by most, it is important to note that for the first time in their history, the people of D'ni remained strong and focused, even under the leadership of a poor King. The words and teachings of Tevahr stayed in their hearts and they focused on their personal lives (and if they were pleasing to Yahvo) more than their King4.

If there is anything good to be said of Tejara it is that he did not destroy the fragile condition of his people. Religion was not important to him and thus, though he never did anything to encourage his people one way or another, he did nothing to prevent those who wished to believe a certain way, from doing so.

Tejara died in 3422 at the age of 317 and left the throne to his "third" son. Though Tejara claimed that the boy was born of his wife there were quite a few rumors that the boy was actually the first son of one of Tejara's younger maidens. The rumor was never proved either way as both his wife and the maiden passed away two years after the boy was born. Though officially Tejara had three sons, it's possible that he actually fathered twelve sons and seven daughters, an exorbitant number for a D'ni5.

  1. Excerpted from Grand Master Jaron's, of the Guild of Writers, private journal
  2. From "The Lost Son" written by the Prophetess Hailesi in 3422
  3. Grand Master Jaron's private journal
  4. From "The Lasting Impact" written by the grandson of Tevahr, Ailem in 3576
  5. It should be noted that most of these facts were not public information until long after Tejara's death. For the most part, the D'ni honestly believed that Tejara had been a decent king. Though some began to judge the reign of Tejara by his son, it was not until much later, when truths were revealed, that the public's opinion of Tejara truly changed.