Skip navigation.
Home
L'angolo italiano della Caverna

Re Hemelin

| | | |

Testo originale

Hemelin – Salì al trono nel 2193 all'età di 179 anni.

Hemelin era stato un Maestro di Gilda nella Gilda dei Guaritori e si disse che prese il trono "con la collera nel cuore e il fuoco nella bocca" [1]. Era estremamente infuriato riguardo la pubblica opinione sulla sua Gilda e divenne la sua missione assicurarsi che fosse trovata una cura. Alcuni dicono che esibì più potere ed autorità sul trono in una settimana di quanto suo nipote avesse fatto in 123 anni

Hemelin era completamente convinto che una cura giacesse nei Libri Antichi ed aveva incoraggiato i Guaritori a cercare lì già molto prima della sua incoronazione a Re. Tuttavia, suo nipote era stato esitante a concedere l'accesso ai libri, cosa che cambiò immediatamente una volta che Hemelin ebbe l'autorità di esaminarli.

Hemelin sembrava essere un seguace estremamente devoto di Yahvo e spesso dichiarava che solo Yahvo li avrebbe guariti, non gli "altri dei" che il suo popolo cercava. Nel 2255, Hemelin diventò estremamente malato e la maggioranza pensò che stesse per morire. La Gilda dei Guaritori continuò a provare a prevenire la morte, ma la prognosi era molto grave.

Fu durante i suoi giorni nel letto di malattia che conobbe una donna chiamata Lalen. Ella contribuì a prendersi cura di lui e, mentre il tempo passava, Hemelin si ritrovò a "...vivere solo per vederla un'altra volta." come egli scrisse in seguito. Lalen doveva sentirsi allo stesso modo. Il nuovo amore sembrò forgiare una nuova volontà di vivere. Hemelin si riprese e, fino al giorno in cui morì, elogiò Lalen come il motivo per cui fu in grado di sconfiggere l'epidemia [2].

Due anni dopo, Lalen aiutò il resto dei D'ni a sconfiggere l'epidemia. Voci dicono che mentre cercava tra le vecchie storie, a cui la sua relazione le aveva garantito accesso, trovò accenni su dove altri dei Libri Antichi erano stati custoditi. Fu alcuni mesi dopo che il Libro di Birenni, un particolare Libro che Hemelin aveva sempre cercato, fu trovato. Sei anni dopo la scoperta, la Gilda dei Guaritori, guidata dal Maestro di Gilda Jaysem, considerò l'epidemia curata [3]. Le registrazioni indicano "enormi celebrazioni... come non se ne erano mai viste prima" [4]. Un ritrovato ottimismo si diffuse attraverso la gente e, non ufficialmente, comincò il Rinascimento D'ni. Va inoltre ricordato che in quel giorno nel 2262 Re Hemelin e Lalen si sposarono in una grandiosa cerimonia [5].

Nel 2270 nacque il primo bambino post-epidemia e Hemelin promise di dargli il trono come un gesto simbolico "...di speranza e celebrazione".

Sebbene Hemelin cercasse di usare la fine dell'epidemia come uno strumento per incoraggiare il suo popolo a tornare a Yahvo, non sembrò avere successo. Sembrò esservi invece un rinnovato amore per la cultura stessa: per le arti, per la tecnologia, e per una più profonda esplorazione delle "verità" dell'universo

Nel 2350, La Gilda Minore dei Minatori, seguendo l'incoraggiamento di Hemelin, annunciò i loro piani per un drastico miglioramento nei metodi e nelle tecnologie di estrazione.

Hemelin lasciò una cultura ottimista ma "alquanto stordita" [6] al suo successore quando morì all'età di 342 anni nel 2356.

  1. Da "La Guarigione di D'ni" scritto da Manesah nel 2294
  2. Sebbene altri sopravvissero alla malattia i rapporti dei Guaritori indicano un tasso di mortalità del 95% una volta che il male raggiungeva i suoi ultimi stadi
  3. Fu sviluppata una bevanda che impediva al corpo di contrarre la malattia anche quando direttamente esposto
  4. Da "La Guarigione di D'ni" scritto da Manesah nel 2294
  5. Come risultato, il giorno divenne un giorno spesso scelto per i matrimoni negli anni successivi
  6. Tratto dal diario di Re Hemelin scritto appena prima della sua morte nel 2356


Hemelin - Took the throne in 2193 at the age of 179.

Hemelin had been a Guild Master in the Guild of Healers and it was said he took the throne "with rage in his heart and fire in his mouth"1. He was extremely angered over public opinion of his Guild and made it his mission to make sure that a cure was found. Some say he exhibited more power and authority in the throne in one week than his nephew had in 123 years.

Hemelin was fairly convinced that a cure lay in the Books of Old and he had been encouraging the Healers to look there long before his coronation as King. However, his nephew had been hesitant to allow access to the books something that immediately changed once Hemelin had authority to look through them.

Hemelin seemed to be a fairly devout follower of Yahvo and often claimed that only Yahvo would heal them, not the "other gods" that his people were seeking. In 2255, Hemelin became extremely ill and most thought was about to die. The Guild of Healers continued to try and prevent death, but the prognosis was very grave.

It was during his days in the sick bed, that he met a woman named Lalen. She helped to care for him and, as time passed, Hemelin found himself "...living just to see her one more time." as he wrote later. Lalen must have felt the same way. The new love seemed to forge a new will to live. Hemelin recovered and, to the day he died, praised Lalen for the reason he was able to defeat the plague2.

Two years later, Lalen helped the rest of the D'ni defeat the plague. Rumors say that while searching through the old histories, that her relationship afforded her access to, she found hints as to where more of the Old Books had been kept. It was a few months later that the Book of Birenni, a particular Book that Hemelin had always sought, was found. Six years after the discovery, the Guild of Healers, led by Guild Master Jaysem, considered the plague cured3. Records point to "tremendous celebration...like had never been seen before"4. A newfound optimism spread throughout the culture and, unofficially, the D'ni Renaissance began. It should also be noted that on this day in 2262, King Hemelin and Lalen wed in a grand ceremony5.

In 2270 the first post-plague child was born and Hemelin promised to give him the throne as a symbolic gesture "...of hope and celebration".

Though Hemelin tried to use the end of the plague as a tool to encourage his people back to Yahvo, it did not seem to succeed. Instead there seemed to be a newfound love of the culture itself: of the arts, of technology, and of further exploration into the "truths" of the universe.

In 2350, The Minor Guild of Miners, following the encouragement of Hemelin, announced their plans for drastic improvement in mining methods and technologies.

Hemelin left an upbeat, but "rather dazed"6 culture to his successor when he passed away at the age of 342 in 2356.

  1. From "The Healing of D'ni" written by Manesah in 2294
  2. Though others did live through the illness Healer records indicate a 95% fatality rate once the disease reached its later stages
  3. A drink was developed that prevented the body from contracting the illness even when directly exposed
  4. From "The Healing of D'ni" written by Manesah in 2294
  5. As a result, the day became a day often chosen for marriage in later years.
  6. Taken from the journal of King Hemelin written directly before his death in 2356