Skip navigation.
Home
L'angolo italiano della Caverna

Yeesha, 5 novembre 2007 - Discorso a K'veer

| | | |

Testo originale

Devo dirvi qualcosa.

La distruzione è quasi su di noi. Loro sono qui. Lottando nella guerra. Liberati dalla loro prigione, i Bahro scelgono la loro strada ora; il bene e il male si trovano davanti a loro. Non sono più schiavi della tavoletta, il loro destino non è più limitato ai voleri di altri. La loro libertà non è più prigioniera. Sono potenti e liberi, alcuni sono pericolosi.

La maggior parte dei Bahro sono amici. Yeesha: Stanno dalla nostra parte, ci proteggono dal male che vi circonda quasi constantemente. Si sacrificano per voi. Combattono e muoiono per questa caverna. Combattono e muoiono per le Ere, e il vostro benessere. Combattono anche per gli D'ni. Vegliano su noi tutti.

Ma vi sono alcuni che non hanno scelto di stare con voi, con gli D'ni, o con il bene. Cercano vendetta per il male che è stato fatto loro. Vogliono impartire quel dolore agli altri, proprio come loro sono stati torturati. Vendetta è la loro scusa ma la libertà è la loro causa.

Sono in grado di fare la scelta e si crogiolano nell'opportunità di fare come gli pare. Sono liberi di scegliere il male e lo fanno. Con la libertà arrivano le scelte e con le scelte arriva il male, come anche il bene.

Il loro capo può essere visto facilmente. Gli manca una grande parte di pelle su una spalla - che gli è stata presa nel tortuoso laboratorio di Esher. Per questo, li attrarrò via. Via dalla caverna. Via da voi. Non so per quanto i malvagi mi cercheranno... Non so quanto a lungo cercheranno ciò che porto. Potrebbero essere solo giorni, potrebbero essere mesi.

La distruzione sta arrivando. E` quasi qui. Io la ritarderò per quanto posso ma, nel frattempo, dovete trovare una strada. Yeesha: Dovete costruire una casa. La distruzione sarà qui presto.

Proverò a tornare e ad aiutarvi in futuro. Se le cose andranno bene, vi offrirò il mio aiuto. Altrimenti, dovrete trovare una strada da soli.

In ogni caso, dovete essere pronti. La distruzione arriverà... prima o poi. E quando arriverà, dovete avere una strada. Dovete costruire una casa.

Io farò tutto quello che posso intanto.

Devo andare ora. Addio.


I have words.

Destruction is almost upon us. They are here. Fighting in war. Freed from their prison, the Bahro choose their way now; good and evil stand before them. No longer are they slaves to the tablet, no longer is their destiny locked to the wishes of others. No longer is their freedom captive. They are powerful and with freedom, some are dangerous.

Most of the Bahro are friends. They stand with us, protecting us from the evil that surrounds you almost constantly. They sacrifice for you. They battle and die for this cavern. They battle and die for the Ages, and your comfort. They fight for the D'ni as well. They watch over us all.

But there are those who have not chosen to side with you, with the D'ni, or with good. They seek revenge for the evil done to them. They seek to impart that harm on others, just as they were tortured. Revenge is their excuse but freedom is their cause.

They are able to make the choice and they bask in such opportunity to do as they please. They are free to choose evil and so they do. With freedom comes choice and with choice comes evil, as well as good.

Their leader can be seen clearly. He is missing a large patch of skin on his shoulder - taken from him in the tortuous lab of Esher. Because of that, I will draw them away. Away from the cavern. Away from you. I do not know how long the evil ones will seek me... I do not know how long they will seek what I carry. It could be only days, it could be months.

Destruction is coming. It is almost here. I will delay it as long as I can but, in the meantime, you must find a way. You must make a home. Destruction will be here soon.

I will try to return and help you in the future. If things go well, I will offer you my aid. If things do not, you must find a way on your own.

Regardless, you must be ready. Destruction will come... sooner or later. When it does, you must have a way. You must make a home.

I will do all that I can in the meantime.

I must leave now. Goodbye.